Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 settembre 2011 1 19 /09 /settembre /2011 23:20

 david2.jpg

Life on Mars?

 

       

Quando nel 1971 fu pubblicato l’album “Hunky Dory”, la critica dell’epoca contestò a David Bowie di “giocare con la pronuncia tra i cognomi di Lenin e Lennon…”, attribuendo al testo di “Life on Mars?” chiari riferimenti politici di destra.

 

Di certo le allusioni politiche nel testo non mancano: la denuncia dell’atteggiamento imperialista dell’America (…Topolino è diventato una mucca…), la contestazione della classe operaia (…ora i lavoratori hanno scioperato per la fama…) in nome di un’idea resuscitata (“…perché Lennon è di nuovo in vendita…”), il consumismo di massa dilagante e il richiamo al dimenticato “Rule Britannia”, inno nazionale britannico "ufficioso" (…messo al bando…) … e poi c’è Marte, il pianeta rosso (la Russia?).

 

Allusioni o semplice fantasia? E se fosse solo fantasia e ci fermassimo a pensare al pianeta rosso, verrebbe spontaneo chiederci: potrà mai esserci vita su un pianeta simile?

 

Chissà… Forse solo in un film.

 

 

 

                                         

 

 

 

«Credo fermamente nel fascismo. Il solo modo che abbiamo per vivificare questa specie di liberalismo ristagnante è di accelerare l’avvento di una tirannia di destra che sia totalmente dittatoriale. La gente diventa molto più efficiente se sottoposta a un regime. La televisione, credo che non ci sia bisogno di dirlo, è la cosa più fascista che ci sia. Anche i divi del rock sono fascisti. E Hitler è stato uno dei primi divi del rock». Chissà cosa avrà pensato Cameron Crowe quando, nel 1976, si sentì dire queste parole da David Bowie nel corso di un’intervista per Playboy. Di sicuro servirono ad alimentare la leggenda di un Duca Bianco estremista di destra, politicamente diverso dal resto dei suoi colleghi dell’epoca. Forse è per questo che Bob Dylan lo detestava e che molte altre star engagées dell’epoca lo guardavano con diffidenza.

 

david1.jpgDavid Bowie è un fascista delle origini, rivoluzionario e socialisteggiante, anarchico eppur sostenitore dell’uomo forte a reggere le sorti della società.

Ordine e libertinaggio: questo il credo di Bowie. Il cantante non ha mai avuto fiducia in quel soggetto non meglio identificato che definiamo popolo. Per lui la massa andava indirizzata attraverso un governo autoritario, lasciando però intatte (e questo è il tratto caratteristico della strana destra di Bowie) le libertà individuali. Sesso, droga e rock’n’roll, verrebbe da dire utilizzando un logoro luogo comune. Eppure proprio questa è la summa di quella che per Bowie è la libertà dell’individuo, almeno nella sua esperienza artistica e personale. Proprio la necessità di coniugare Stato forte e libertà individuali fa di Bowie un convinto anticomunista. 

 

Heroes, forse la più bella canzone rock mai scritta, è il suo manifesto anticomunista: lo sfondo è il Muro di Berlino, i protagonisti un ragazzo e una ragazza che si incontrano segretamente sotto una torretta di guardia. «Possiamo batterli, ancora e per sempre. Possiamo essere eroi, anche solo per un giorno”: non la sollevazione popolare, non una rivoluzione, ma due individui che si ribellano al regime per amore, per un tornaconto personale, perché vogliono stare insieme». L’individualismo di Bowie è tutto in questa canzone. Ne viene fuori un essere umano che non è cinico né scevro da emozioni e passioni, ma che allo stesso tempo pensa a sé stesso, ai suoi bisogni, e riesce ad apprezzare la libertà proprio perché la mancanza di quest’ultima gli preclude la felicità.

 

Dannunziano, fascista delle origini, libertario, anarchico? David Bowie è forse tutto questo ma anche molto altro. E soprattutto è ribelle, a prescindere dalle logore categorie di destra e sinistra. Il ribellismo di David Bowie è individualista, incazzato, privo di ipocrisia umanitaria o terzomondista. E Cygnet Committe, struggente e rabbiosa canzone-manifesto contenuta nel mitico Space Oddity, ne è la prova definitiva: un urlo lungo dieci minuti, uno sfogo libertario in bilico tra pessimismo e delusione. I sogni infranti di una generazione che alla fine sfociano in un “Vogliamo vivere” ripetuto come un mantra, a riaffermare che in fondo quello che serve all’uomo per essere davvero libero è il pieno controllo sulla propria vita. E soprattutto, e in questo Bowie è stato davvero un maestro, il pieno controllo sui propri errori ed eccessi. Lasciateci sbagliare, insomma: non chiediamo nient’altro.

 

(Brano tratto da: “La libertà di sbagliare” di Domenico Naso, pubblicato su Ffwebmagazine del 26 marzo 2009)

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Michele
scrivi un commento

commenti

Landa 06/30/2016 15:16

Vi consiglio di guardare meraviglioso film "David Bowie: Five Years" è per gli appassionati di David Bowie ( http://www.itafilm.net/4513-david-bowie-five-years-2013.html )

Girang 10/08/2011 12:49


le allusioni ci stanno tutte, amo le provocazioni di bowie, di cui ha sempre saputo tenerne le rendini


Presentazione

Profilo

  • Michele

Testo Libero

Per alcuni dei testi inseriti in questo Blog non è stato possibile indicare fonti ed autori e, soprattutto, appurare se essi siano di pubblico dominio o meno.
Pertanto, se troverete testi privi delle necessarie autorizzazioni, contattatemi e verranno immediatamente rimossi o aggiornati con le informazioni omesse.

Pagine

Link